Ultima news

Ultime news

Gpl da riscaldamento: scopri tutti i vantaggi

Versatilità a basso impatto
Il GPL ha decine di applicazioni, già apprezzato da milioni di persone in tutto il mondo, che attualmente lo utilizzano nel quotidiano per moltissime funzioni: cucina, riscaldamento, produzione acqua calda, attività commerciali, industria, trasporti, agricoltura, produzione di energia elettrica, produzione di energia refrigerante, tempo libero, cura della persona. A questo si aggiunga che il GPL è un’energia pulita e a basso impatto ambientale, che emette circa il 20% in meno di CO2 rispetto al gasolio e il 50% in meno rispetto al carbone.

Il GPL ha un elevato potere calorifico rispetto ad altri combustibili di uso comune come gas naturale, gasolio, benzina, oli combustibili e alcool derivati da biomassa. Ciò significa che il GPL brucia con una fiamma più calda, un vantaggio che può tradursi in una maggiore efficienza: ad esempio un forno a GPL può riscaldare l’aria fino a 25 gradi in più rispetto a uno alimentato da altri combustibili fossili.
Il GPL è un partner naturale per le energie rinnovabili, poiché essendo uno dei combustibili disponibili più puliti, integra le fonti di energia rinnovabili e le tecnologie che dipendono dalle condizioni atmosferiche o di luce del giorno.
Il GPL è un’ottima fonte energetica rispettosa dell’ambiente e contribuisce significativamente alla lotta all’inquinamento atmosferico. A temperatura ambiente e a pressione atmosferica, il GPL si presenta sotto forma di gas, ma può essere agevolmente liquefatto se sottoposto a moderate pressioni.
Una volta liquefatto, il GPL può essere facilmente immagazzinato e trasportato in recipienti a pressione (cisterne ferroviarie o stradali), anche in zone difficilmente raggiungibili, e reso fruibile all’utente in bombole e serbatoi di varie dimensioni. Durante il processo di liquefazione il suo volume si riduce di ben 274 volte. Ciò permette di immagazzinare una grande quantità di energia in poco spazio.